Mariuccia Medici (1910-2012)

medici2La versione integrale di questa biografia è disponibile presso la sede AARDT

Nacque a Milano, da madre lombarda e padre ticinese originario di Novazzano. All’età di tre anni i genitori l’affidarono ai nonni paterni e alla zia, a Paradiso. Nel 1931 conseguì il diploma di maestra elementare presso la Scuola Normale di Locarno; nel 1934 la patente di maestra d’asilo presso l’Istituto Santa Maria di Bellinzona. Per 42 anni insegnò alle scuole di Loreto, fino al pensionamento nel 1972. Nel 1936 si trasferì a Lugano dove si prese cura dei genitori e della zia fino alla loro morte. Non si sposò e non ebbe figli.

Nel 1938, quando il regista Ponziano Benedetti le chiese di sostituire un’attrice assente per malattia, Mariuccia iniziò casualmente a recitare in lingua nella compagnia di prosa della Radio Monteceneri. Fu richiamata per una recita natalizia e partecipò a svariati radiodrammi, tra cui il programma dialettale “La domenica Popolare” di Sergio Maspoli.

Negli anni seguenti e dopo il pensionamento, Mariuccia si dedicò alla recitazione in lingua e in dialetto sia in televisione sia in radio, ottenendo riscontri positivi da parte del pubblico e della critica e diventando un’attrice molto popolare nella Svizzera Italiana e nella regione insubrica. Proficue furono le sue collaborazioni con il regista Vittorio Barino e con gli attori Quirino Rossi, Ernesto Calindri e Yor Milano. Fece parte di diverse compagnie teatrali, tra cui quella della Radiotelevisione della Svizzera Italiana (RSI), e fu cofondatrice del Teatro Popolare della Svizzera Italiana e Insubria (TEPSI). Nel 2007 diede l’addio alle scene e nel 2010 il suo centenario fu festeggiato con diversi eventi, tra cui una serata in suo onore al Palazzo dei Congressi di Lugano.

Oltre ad essersi prodigata a favore della cultura ticinese e del dialetto, Mariuccia si occupò anche di attività benefiche.

Il 23 febbraio 2012 si spense presso l’istituto per anziani Casa Serena di Lugano all’età di 102 anni.

Autrice: Sabina Delkic, 23 luglio 2013.

© 2014 AARDT –CH 6818 Melano

 Crediti fotografici: Archivi AARDT, Fondo Mariuccia Medici.

 

Fonti e bibliografia

Archivi

Associazione Archivi Riuniti delle Donne Melano

Fondo Mariuccia Medici.

Quotidiani e periodici

Azione

Ambrosioni Dalmazio, «La Mariuccia che riesce a perfezionare la semplicità», Azione, 2.05.1996, p. 13.

Corriere del Ticino

«Consegnato il premio Falchetto», Corriere del Ticino, 25.09.1995, p. 39.

La Regione Ticino

Pettinati Paola, «Un secolo da Mariuccia», La Regione Ticino, 18.02.2010, p. 23.

Illustrazione ticinese

Storni Lorenza, «A tu per tu con l’attrice ticinese Mariuccia Medici», Illustrazione Ticinese, 01.05.2002, pp. 14-21.

Fonti audiovisive

Presso gli archivi RSI sono disponibili filmati riguardanti Mariuccia Medici dal 1974 al 2007, e documenti radiofonici dal 1947 al 2007.